venerdì, novembre 17, 2017

una ricettina sfiziosa

Sformato di fagiolini

Ingredienti per 4

500 gr di fagiolini
300 gr di broccoli
2 carote
200 gr di prosciutto cotto affumicato
2 uova
50 gr di parmigiano
20 gr di pangrattato
20 gr di senape
70 gr di burro
20 gr di semi di cumino
sale, pepe

- Pulite i broccoli, riduceteli a cimette eliminando i gambi e raccoglieteli in un cestello per la cottura a vapore. Lessate le cimette per 20 minuti. Trascorso il tempo, levatele, frullatele e raccogliete il composto in una ciotola

- Raschiate leggermente le carote e sciacquatele sotto un getto di acqua fredda; spuntatele, tagliatele a tocchetti e lessatele al dente.
Mondate i fagiolini, tagliateli a tocchetti e lessateli per 10 minuti. Scolateli e saltateli in una padella con 50 gr di burro per 5 minuti.

- Trasferite la dadolata di carote e i fagiolini nella ciotola con il passato di broccoli, aggiungete le uova, il parmigiano grattugiato e la senape, profumate con il cumino pestato, condite con un pizzico di sale e un po' di pepe e amalgamate perfettamente.

- Ungete uno stampo a cupola con il burro rimanente, spolverizzatelo con il pangrattato e foderatelo con le fette di prosciutto cotto (tenendone da parte alcune) facendo in modo che fuoriescano.

- Riempite con il composto vegetale, ripiegate le fette di prosciutto, per racchiuderlo, e coprite con le fette rimaste. Fate cuocere in forno preriscaldato a 200°C per 30 minuti, quindi sfornate su un piatto da portata.

poesia

 Violini d'autunno               

Singhiozzi lunghi
dai violini
dell’autunno
mordono il cuore
con monotono
languore.
Ecco ansimando
e smorto, quando
suona l’ora,
io mi ricordo
gli antichi giorni
e piango;
e me ne vado
nel vento ingrato
che mi porta
di qua e di là
come fa la
foglia morta. 


Paul Verlaine

venerdì, luglio 14, 2017

una ricettina sfiziosa

 Sarde su un letto di patate

Ingredienti per 4 persone

1 kg di sarde fresche
500 gr di patate
vino bianco
pomodorini
origano
pane grattugiato
olio, sale
Una ricetta semplice per far ritrovare a chi è stato in Sicilia i sapori della vacanza.
Pulite e aprite a libro le sarde.
Tagliare a sottili fettine rotonde le patate (per essere certi che non restino crude potete anche utilizzarle bollite, ma il sapore non sarà lo stesso) e fatene un letto in un teglia dove avrete già messo un filo d’olio.
Adagiatevi le sarde, spruzzatele di vino bianco, cospargetele di pan grattato, e mettete qua e là capperi e pomodorini di Pachino.
Mettete in forno caldo per 15/20 minuti, poco prima di sfornare se volete aggiungete e anche dell’origano (se lo mettete dall’inizio rischia di lasciare un sapore amarognolo).


giovedì, luglio 13, 2017

Estate

...e come di consueto una foto (fatta da me), una poesia e un raccontino


Le grandi notti d'estate
che nulla muove oltre il chiaro
filtro dei baci, il tuo volto
un sogno nelle mie mani.

Lontana come i tuoi occhi
tu sei venuta dal mare,
dal vento che pare l'anima.

E baci perdutamente
sino a che l'arida bocca
come la notte è dischiusa
portata via dal suo soffio.

Tu vivi allora, tu vivi,
il sogno ch'esisti è vero.
Da quanto t'ho cercata.

Ti stringo per dirti che i sogni
son belli come il tuo volto,
lontani come i tuoi occhi.

E il bacio che cerco è l'anima.

(Alfonso Gatto)



La leggenda del girasole

Clizia una giovane ninfa, innamorata del Sole, lo seguiva tutto il giorno mentre guidava il suo carro di fuoco.
Il sole dapprima fu lusingato  da quelle attenzioni,credette di esserne a sua volta innamorato e decise di sedurla .
Ben presto il Sole si stancò dell'amore di Clizia e l'abbandonò
La povera ninfa pianse ininterrottamente per nove giorni interi. Immobile in mezzo a un campo, osservava il suo amore attraversare il cielo sul suo carro di fuoco.
Così, pian piano, il suo corpo si irrigidì, trasformandosi in uno stelo sottile ma resistente, i suoi piedi si conficcarono nella terra mentre i suoi capelli diventarono una gialla corolla; si era trasformata in un fiore bellissimo color dell'oro... Il girasole...
Ma anche nella sua nuova forma la piccola ninfa innamorata continua tuttora a seguire il suo amore durante il giro nel cielosieriparole.it/racconti/personale/racconto-63133-1>


martedì, marzo 21, 2017

Primavera

 ...e dato che è Primavera un raccontino ed una poesia



 Due ciliegi innamorati

Due Ciliegi innamorati, nati distanti, si guardavano senza potersi toccare. Li vide una Nuvola, che mossa a compassione, pianse dal dolore ed agitò le loro foglie … ma non fu sufficiente, i Ciliegi non si toccarono.
Li vide una Tempesta, che mossa a compassione, urlò dal dolore ed agitò i loro rami … ma non fu sufficiente, i Ciliegi non si toccarono.
Li vide una Montagna, che mossa a compassione, tremò dal dolore ed agitò i loro tronchi … ma non fu sufficiente, i Ciliegi non si toccarono.
 Nuvola, Tempesta e Montagna ignoravano, che sotto la terra, le radici dei Ciliegi erano intrecciate in un abbraccio senza tempo.

Bacio

 Ti manderò un bacio con il vento
e so che lo sentirai,
ti volterai senza vedermi ma io sarò li
Siamo fatti della stessa materia
di cui sono fatti i sogni
Vorrei essere una nuvola bianca
in un cielo infinito
per seguirti ovunque e amarti ogni istante
Se sei un sogno non svegliarmi
Vorrei vivere nel tuo respiro
Mentre ti guardo muoio per te
Il tuo sogno sarà di sognare me
Ti amo perché ti vedo riflessa
in tutto quello che c'è di bello
Dimmi dove sei stanotte
ancora nei miei sogni?
Ho sentito una carezza sul viso
arrivare fino al cuore
Vorrei arrivare fino al cielo
e con i raggi del sole scriverti ti amo
Vorrei che il vento soffiasse ogni giorno
tra i tuoi capelli,
per poter sentire anche da lontano
il tuo profumo!
Vorrei fare con te quello
che la primavera fa con i ciliegi.


(Pablo Neruda)
Due Ciliegi innamorati, nati distanti, si guardavano senza potersi toccare.Li vide una Nuvola che mossa a compassione pianse dal dolore e agitò le loro foglie; ma non fu sufficiente.I due Ciliegi non si toccarono.Li vide una Tempesta che mossa a compassione urlò dal dolore e agitò i loro rami; ma non fu sufficiente.I due Ciliegi non si toccarono.Li vide una Montagna che mossa a compassione tremò dal dolore e agitò i loro tronchi; ma non fu sufficiente.I due Ciliegi non si toccarono.Nuvola, Tempesta e Montagna ignoravano che, sotto la terra, le radici dei Ciliegi erano intrecciatein un abbraccio senza tempo. (storia zen)

Visto su: https://ilbuongiorno.it/it/articoli/item/5137-due-ciliegi-innamorati-storia-zen-ea

sabato, febbraio 25, 2017

una ricettina sfiziosa

È carnevale!
Non avendo bambini che girano per casa e non essendo una appassionata di maschere e scherzi,
il carnevale non ha per me un gran significato.
Quando le mie figlie erano piccole, poi adolescenti, quindi giovani donne era tutto un programmare, comprare stoffe, cucire abiti improbabili. Una volta a Valeria ho cucito un abito da goccia d'acqua: una stoffa sottile azzurra, carta stagnola per le gocce applicate sul vestito, celofan a coprire... peccato non aver fatto fotografie: erano altri tempi, non c'era ancora il digitale.
Comunque quest'anno sarà diverso, sarà diverso perchè, con altre signore, prepareremo galani e frittelle per il carnevale dei bambini.
Ci troveremo tutte nella grande cucina della parrocchia e, come sempre con grande impegno ed allegria, si impasterà, si friggerà, si zucchererà....
Quindi, con grande piacere, vi faccio partecipi... pubblicando un paio di ricette


Graffe

Ingredienti per 30 graffe:
  • 1 kg di farina 00
  • 70 gr di zucchero
  • 100 gr di burro
  • 4 uova
  • 300 ml di acqua
  • 25 gr di lievito di birra
  • 1 bustina di vanillina
  • 1 cucchiaino di scorza grattugiata di limone
  • 1 pizzico di cannella
  • 1 pizzico di sale
  • olio di semi per friggere

Disciogliere il lievito in acqua appena tiepida e iniziarlo a versare a mano a mano nella ciotola con gli ingredienti.
Impastare il composto fino a far assorbire completamente l'acqua.
Formare con l'impasto una palla.
Stendere l'impasto un po' per volta con uno spessore di mezzo cm.
Con un coppa pasta tagliare dei dischi e, al centro, tagliare un cerchio più piccolo.
Disponete le graffe man mano su un piano cosparso di farina.
Coprite con un panno e fate lievitare per circa due ore.
Friggete le graffe finchè non saranno dorate uniformemente.
Spolverate con lo zucchero

dal web



Frittelle di ricotta  per 4

ricotta: 250 gr.
uova: 2
zucchero: 2 cucchiai
farina 00: 100 gr.
lievito per dolci: 1 bustina
scorza di limone
vanillina: 1 busta

per la copertura:
zucchero


Mettete la ricotta in una ciotola e lavoratela con le fruste.
Aggiungete lo zucchero, le uova e la scorza di limone grattugiata.
In un’altra ciotola setacciate la farina e il lievito per dolci, aggiungete alla ricotta e mescolate.
Otterrete un impasto denso, da prendere a cucchiaiate.
Scaldate l’olio e, quando sarà caldo, bagnate un cucchiaio nell’olio caldo e prendete un pochino di impasto, giusto la punta del cucchiaio. Fate scivolare l’impasto nell’olio caldo.
Spolverate con lo zucchero

dal web


BUON CARNEVALE A TUTTI



sabato, gennaio 28, 2017

poesia

tu la notte io il giorno

Tu la notte io il giorno
così distanti e immutevoli
nel tempo
così vicini come due alberi
posti uno di fronte all`altro
a creare lo stesso giardino
ma senza possibilità di
toccarsi
se non con i pensieri
Tu la notte io il giorno
tu con le tue stelle e la luna
silenziosa
io con le mie nuvole ed il
sole abbagliante
tu che conosci la brezza
della sera
ed io che rincorro il vento
caldo
fino a quando giunge il
tramonto
I rami divengono mani
tiepide
che si intrecciano
appassionate
le foglie sono sospiri
nascosti
le stelle diventano occhi di
brace
e le nuvole un lenzuolo che
scopre la nudità
La luna e il sole sono due
amanti rapidi e fugaci
e non siamo più io e te
siamo noi fusi insieme
nella completezza della luce
fioca
ondeggiante come la marea
in eterna corsa...
So cosa significa amore
quando il giorno muore

(Antonia Pozzi)